Uno spettro si aggira per Montecitorio: lo spettro dell’esercizio provvisorio

Uno spettro si aggira per Montecitorio: lo spettro dell’esercizio provvisorio

«Il Governo ha giurato giurato il 28 ottobre, oggi è 22 novembre: neanche un mese e c’è la legge di bilancio sul tavolo», la Presidente Giorgia Meloni inizia così la conferenza stampa di stamattina [22/11/2022]. L’approccio del governo non è «solo ragionieristico», ha dichiarato Meloni, ma è piuttosto quello del «bilancio familiare».
Bilancio che, in questo caso riferito allo Stato, prevede una legge da 35 miliardi di euro: «quando ci si occupa del bilancio della famiglia e le risorse mancano non si pensa al consenso ma quel che è giusto fare al fine di farla crescere nel maggiore dei modi: si fanno delle scelte e ci si assume la responsabilità di esse». La Presidente del Consiglio dei Ministri vuole scacciare le ombre che sembrano addensarsi sul governo a neanche un mese dal giuramento: se per Nicola Pini di ‘Avvenire’ il testo varato in tarda notte dal Governo sia il più “ritardatario”, per ciò che concerne la trasmissione della legge di bilancio nella storia della Repubblica, per Meloni non si poteva fare prima di così.

 

«Tasse piatte», caro bollette, addio ai bonus
Per evitare qualsiasi tipo di anglismo, la presidente Meloni denomina i provvedimenti di flat tax con l’italianissimo nome di tasse piatte e ce ne sono ben tre. La prima: «applichiamo una tassa del 15% sui redditi incrementali, cioè alle partite iva sul maggiore utile conseguito nel triennio precedente» ma con una soglia massima di 40mila euro. La seconda prevede l’incremento della tassa al 15% per gli autonomi e i dipendenti. Infine, per i lavoratori dipendenti la tassa piatta è fissata al 5% per i premi di produttività fino a 3mila euro». La voce maggiore è, ad ogni modo, il caro bollette: «ci sono 21 miliardi di euro dedicati» per cui si è proceduto su un doppio binario: «confermata l’eliminazione degli oneri impropri delle bollette, rifinanziato fino al 30 marzo 2023 il credito d’imposta per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale che per bar, ristoranti ed esercizi commerciali salirà dal 30% al 35% mentre per le imprese energivore e gasivore dal 40% al 45%».
Il Dio minore di comuni e sanità
Sanità ed enti locali, compreso il trasporto pubblico locale, avranno solo 3.1 miliardi da spartirsi. Meloni sostiene come questa sia una manovra che favorisca il ceto medio, rivolgendosi in particolare a coloro i quali in questo periodo abbiano «dimostrato di valere e si siano rimboccati le maniche», tuttavia il Dio della sanità e della gestione dei comuni è sempre quello minore. Si taglia dove si può: trasporto pubblico locale, sanità. Possibilmente esternalizzando servizi: la storia sembra ripetersi.
Se questo sembra essere il sentiero tracciato dal nuovo governo, viene da pensare che prossimamente (ma è una previsione) toccherà anche alla scuola e alla riforma del reclutamento dei docenti.
 «Manutenzione straordinaria»
 Secondo il Ministro del Tesoro Giorgetti il reddito di cittadinanza si avvierà verso la «manutenzione straordinaria» e successivamente si incardinerà quel provvedimento verso l’«abolizione». Scompare, per il momento, il taglio all’assegno di disoccupazione (NaSPI) che stava facendo serpeggiare preoccupazione in diversi settori occupazionali, tra cui quello della scuola (tanto per gli ATA quanto per i docenti). A quanto stabilito dal Governo: «Dal 1 gennaio 2023 alle persone tra 18 e 59 anni (abili al lavoro ma che non abbiano nel nucleo disabili, minori o persone a carico con almeno 60 anni d’età) è riconosciuto il reddito nel limite massimo di 7/8 mensilità invece delle attuali 18 rinnovabili». Previsto, poi, un periodo di «almeno sei mesi di partecipazione a un corso di formazione o riqualificazione professionale». Se non vi si prende parte, il reddito non viene più erogato, così come se si dovesse riufiutare la «prima offerta congrua» di lavoro. Bonus una tantum, reddito di cittadinanza e “Quota100” devono, in un certo qual modo, rientrare nel bilancio dello Stato: non più al passivo ma all’attivo.
Lo spettro dell’esercizio provvisorio
Il punto centrale, al netto di quel che stabilisce la manovra, è rappresentato dalle scadenze e da quel che viene chiamato, traslando il linguaggio imprenditoriale nella vita quotidiana, crono-programma. La legge di bilancio deve essere discussa e approvata da entrambe le Camere per poi, entro il 30 novembre, essere inviata a Bruxelles affinché la Commissione europea possa esprimere il proprio parere. Incassato il “nullaosta” da parte dell’UE, si tornerà in Italia e vi sarà un’ulteriore scadenza: il 31 dicembre. Entro quella data va approvato il testo, già visionato e approvato da Bruxelles. Se non si rispettano questi termini si andrebbe in esercizio provvisorio, ovvero la modalità di spesa pubblica che fa riferimento al dato storico dei precedenti esercizi finanziari. A tal proposito venivano espresse le dichiarazioni attribuite alla Presidente Meloni sul ‘Corriere della sera’ di ieri [21/11/2022] nel retroscena di Monica Guerzoni: «La nostra priorità è affrontare l’emergenza e dare all’Europa e ai mercati un senso di grande serietà e responsabilità» e ancora «niente azioni spericolate».
Detto fatto: il comunicato del Governo a margine del Consiglio dei Ministri non da’ spazio a letture altre: «La manovra si basa su un approccio prudente e realista che tiene conto della situazione economica, anche in relazione allo scenario internazionale, e allo stesso tempo sostenibile per la finanza pubblica, concentrando gran parte delle risorse disponibili sugli interventi a sostegno di famiglie e imprese per contrastare il caro energia e l’aumento dell’inflazione.
Letta evoca la piazza, i sindacati di base lo hanno già fatto
Il Partito democratico ha annunciato che scenderà in piazza sabato 17 contro una «manovra improvvisata e iniqua». Il segretario dimissionario democratico si presenterà come difensore del Reddito di cittadinanza sebbene, come ha ricordato Meloni «il Pd votò contro e si oppose al beneficio». Giuseppe Conte convoca la piazza a sua volta: parla di provvedimento disumano, per quel che riguarda l’iter di abolizione del reddito di cittadinanza e dichiara: «Questo Governo ha voluto mostrare i muscoli solo contro una fascia ristretta di popolazione: spaccia vigliaccheria per coraggio, confonde la prudenza con l’ignavia. Vuole togliere al Paese l’unico sostegno che non ha mandato per strada milioni di persone in estrema difficoltà e lavoratori che pagano lo scotto di stipendi da fame che non consentono nemmeno di fare la spesa. Se vogliono mandare fuori strada gli ultimi, troveranno un muro. Non possiamo permettere un massacro sociale». Fuori dal Palazzo la piazza, però, ribolle davvero e la convocano i sindacati di base: dall’USB al S.I. Cobas, stavolta riuniti nella stessa rivendicazione, per denunciare il «governo nemico dei lavoratori». L’inflazione «svuota i carrelli della spesa e affama milioni di famiglie operaie, si prepara una nuova ondata di regalíe di stato per i padroni attraverso la flat tax e l’innalzamento del tetto al contante, vero e proprio incentivo all’evasione. Intanto, centinaia di fabbriche e di aziende chiudono o delocalizzano, generando migliaia di nuovi disoccupati; le scuole e le infrastrutture cadono a pezzi; la sanità e il trasporto pubblico sono al collasso e la mattanza dei morti sul lavoro continua senza sosta».
L’autunno è appena cominciato.
Marco Piccinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.