Qualche precisazione su “Coloronda” (*)

Qualche precisazione su “Coloronda” (*)

(*) Riceviamo con preghiera di pubblicazione da Mario Cecchetti questo testo riguardo “Coloronda” e le polemiche suscitate.

Al di là delle chiacchiere. Si è fatto molto rumore sulla rete e poi da quanto riportato da «Repubblica», a proposito dell’evento di domenica 20 Dicembre che abbiamo promosso, su viale Torbellamonaca. L’evento era già programmato nel percorso del progetto stesso di “ColorOnda” già da tempo, circa un anno; abbiamo chiarito a tutti che il progetto ha come obiettivo lo sviluppo dell’arte di strada dal basso nei processi di rigenerazione urbana coinvolgendo artisti del territorio e della città, le scuole. Tutte le iniziative ed eventi di “Coloronda” rispondono solo a questo. A chi ci chiedeva se l’evento di domenica fosse della jam free Geco abbiamo risposto che il progetto “ColorOnda” andava aldilà del “problema” Geco: lo stesso pone al centro lo sviluppo della’arte di strada come dinamica artistica libera e che tutti possano esercitarla sui muri dei loro quartieri e che le amministrazioni (centrali e locali) dovrebbero mettere a disposizione, perché secondo noi l’arte di strada, soprattutto quella che parte dal basso, nelle nostre periferie è un valore aggiunto e non un problema di ordine pubblico. Quindi, in questo senso, come “Coloronda”, non avremmo mai organizzato un’evento inteso come la Free Geco Jam. Abbiamo, però, detto a tutti che chiunque veniva all’evento a Torbellamonaca Domenica 20 dicembre avrebbe trovato uno spazio sul muro, anche lo stesso Geco, abbiamo posto come condizione che il tutto doveva svolgersi sui muri dell’area designati nella richiesta e che l’arte espressa non offendesse nessuno.
Tutto il resto sta sui muri del nostro quartiere e chiunque può ammirarlo o denigrarlo come arte espressa ma nessuno può dargli un significato oltre questo perché tutti possano e debbano esprimere la propria arte e non ci possono essere norme o leggi che restringano questa libertà.
Ecco perché abbiamo detto che dovrebbe esserci “ColorOnda” in ogni quartiere della nostra città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.