Aspettando di tornare a teatro

Aspettando di tornare a teatro

Ho iniziato presto. Intorno ai 12 anni. Ho iniziato e non ho più smesso

Andare a teatro. Sedermi. Sistemare giacca e borsa. Guardarmi attorno. Controllare chi si siede davanti a me e capire se spostarmi da una parte o dall’altra per vedere meglio. 

E poi aspettare. Aspettare il buio per entrare in un attimo dentro una storia.

Meraviglioso. Mi sono innamorata del teatro dalla prima volta. 

Un amore ricambiato e curioso. 

Annovero fra gli spettacoli molti allestimenti sperimentali, dal pubblico seduto sul palco e gli attori in platea, ad uno Shakespeare nudista, ad una compagnia che cucinava sul palco ad uno dove l’attore insoddisfatto del pubblico lo insultava e poi cacciava via, alla rappresentazione interattiva dove gli attori chiamavano alcuni spettatori a partecipare ad una scena, a spettacoli itineranti con il pubblico che segue la compagnia per le sale di un palazzo. E poi spettacoli classici, grandi attori e la scoperta meravigliosa della danza.

Quando andai a vedere per la prima volta Lindsay Kemp, mimo e ballerino, ero pronta. Pensavo.

E invece no.

Lindsay Kemp ha trasformato, cambiato il mio modo di guardare/partecipare e poi fare teatro.

Ho imparato ad osservare tutto perchè tutto ha un senso: luci, costumi, musica, movimento.

Lindsay Kemp raccontava emozioni. Le mie. Nel tempo di uno spettacolo ridevo, sognavo, protestavo, scoprivo, cambiavo. Il linguaggio universale del corpo e del movimento, parlava direttamente a me. Senza pronunciare nemmeno una parola.

Ho trovato sul sito RaiPlay, un documentario su Lindsay Kemp. Lo guardo. E la magia è ancora tutta lì. Meravigliosa e intatta.

Aspettando di tornare a teatro.

RaiPlay “In scena – Lindsay Dances” durata 60 minuti

Serena Damiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.